“Come ascoltare”

“Come ascoltare”, è una poesia che in maniera semplice ed immediata illustra “le regole dell’ascolto”, di quello fatto bene, di come a mio avviso dovrebbe essere ogni qual volta si necessita di un ascolto attento e sincero. Un tipo di ascolto che ti fa dire:

“Grazie, mi ha fatto bene parlare con te”.

Una poesia che riassume anche quale disposizione emotiva e atteggiamento mentale mantiene uno psicologo in terapia durante una delle sue fasi più importanti: la fase dell’ascolto. 

“Come Ascoltare”

 Come-ascoltare "Come ascoltare"
 

“Quando ti chiedo di ascoltarmi
e tu cominci a darmi consigli,
non hai fatto ciò che ti ho chiesto.
 
Quando ti chiedo di ascoltarmi
e tu inizi a dirmi perché non dovrei sentirmi in quel modo,
stai calpestando i miei sentimenti.
 
Quando ti chiedo di ascoltarmi
e tu senti che devi fare qualcosa per risolvere il mio problema,
tu mi hai ingannato per quanto strano possa sembrare.
 
Quando tu fai qualcosa per me
che io posso e ho bisogno di fare per me stessa,
tu contribuisci alla mia paura e alla mia debolezza.
 
E allora ti prego di ascoltarmi
e di non fare altro che starmi a sentire.
E se vuoi parlare,
aspetta un minuto che giunga il tuo turno e io ti ascolto”.
 
 
(Irene Whitehill)

 Senza voler togliere poesia al testo, potremmo riassumere dicendo:

  • Non diamo consigli quando non sono richiesti. Farlo durante l’ascolto, poi, significa bloccare la conversazione senza avere tra l’altro un quadro chiaro ed esaustivo.
  • Non si può dire a qualcuno come si deve sentire, “il sentire” è un fatto emotivo, non un atto mentale. Dire a qualcuno che non deve essere triste perchè non ce n’è bisogno è un po’ come dire ad una persona serena che non ha motivi per essere felice.
  • Quando qualcuno ci chiede di essere ascoltato, bisogna ascoltare e basta. Concentrarsi su come si potrebbe aiutare o su cosa si potrebbe o si dovrebbe dire per far sentire meglio, implica che non si sta ascoltando pienamente. Paradossalmente, “stiamo ingannando”il nostro interlocutore. Certo, è naturale che scorrano pensieri ed emozioni e a maggior ragione se ci sentiamo implicati. Il punto però è quello di lasciarli scorrere senza soffermarsi troppo e di riportare subito la focalizzazione sull’ascolto. 
  • E’ naturale volere offrire aiuto alle persone care quando crediamo che queste siano in difficoltà ma stiamo attenti a farlo solo quando ce ne sia davvero bisogno e non quando le difficoltà sono superabili anche senza il  nostro intervento.  I genitori apprendono presto che il loro bambino imparerà a camminare velocemente solo se è lasciato libero di cadere (in un ambiente sgombro da “spigoli”)
  • A volte si ha bisogno semplicemente di essere ascoltati, non perchè si voglia un consiglio e nemmeno per avere la soluzione al proprio problema ma solo per “sentir-si com-presi”.
    “Come ascoltare”, significa tutto questo e, semplicemente, ascoltare e basta.
db218f2681d19cc5813c35858d57d9c8?s=80&r=g "Come ascoltare"

Diego Chiariello

Psicologo clinico e Psicoterapeuta, da anni metto al servizio della mia comunità e di quella virtuale, l'esperienza e la passione per la pratica psicologica del benessere della persona.

More Posts

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.